IL PAZIENTE AGITATO NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA: DAL TERRITORIO ALL’ OSPEDALE. PROFESSIONISTI A CONFRONTO.

Il paziente agitato rappresenta una sfida quotidiana per chiunque lavori nel dipartimento di emergenza, dentro e  fuori l’ospedale. Spesso gli operatori dell'emergenza si trovano a fronteggiare pazienti con limitata capacità di intendere e volere, violenti, pericolosi per se stessi o per gli altri e a dover decidere rapidamente in merito all’ospedalizzazione, alla contenzione e alla gestione di pazienti di cui sovente si hanno poche o nulle informazioni rispetto alle problematiche di salute preesistenti, alle terapie assunte, alla concomitante influenza di alcool o sostanze d’abuso. Altrettanto spesso tali pazienti rappresentano una minaccia per l'incolumità dell’équipe di soccorso, sia all'interno delle mura ospedaliere che, soprattutto, sulla strada.
In questo difficile percorso è fondamentale una stretta collaborazione e condivisione con tutti gli attori del percorso assistenziale: personale dell’emergenza, forze dell'ordine, servizio psichiatrico territoriale e ospedaliero. Emerge la
necessità di condividere percorsi operativi virtuosi che massimizzino la sicurezza del paziente, degli operatori e limitino l’incertezza di chi si trova a dover decidere rapidamente, nel rispetto delle norme vigenti e prestando attenzione ai pitfalls medico-legali di cui spesso c’è poca consapevolezza.

Documentazione